La città senza memoria e la solitudine del “cittadino globale”